Festa del Moscato di Scanzo, le postazioni cassa

La manifestazione dedicata al grande vino orobico gestita con Fast and Fest

Festa Moscato di Scanzo 2019

La Festa del Moscato di Scanzo è sicuramente la manifestazione bergamasca che negli utlimi anni è cresciuta di più. Nel 2019, in soli 4 giorni di festa, sono passati dal paese di Scanzorosciate circa 45.000 persone: una marea di gente richiamata dalla qualità del omonimo vino e naturalmente dalla buonissima cucina abbinata.

Per far fronte a questa "marea di clienti" l'organizzazione ha deciso di utilizzare, per il ristoro principale, la nostra tecnologia. Sei postazioni cassa dislocate sull'intera area dell'Oratorio di Rosciate. In aggiunta si è deciso di installare nelle cucine la nostra soluzione "Monitor di Carico". Sistema capace di mostrare in tempo reale i carichi di lavoro attesi in funzione degli ordinativi registarti in cassa. Una soluzione indispensabile per gestire in maniera rapida ed ordinata una quantità di ordini davvero "esagerata".

L'impianto realizzato per l'evento

L'impianto per la Festa del Moscato di Scanzo pùo essere schematizzato dividendolo in due parti tra di loro comunicanti. La prima parte, l'area pubblica, è interamente dedicata alle postazioni Cassa Fast and Fest a disposizione per la raccolta degli ordini. La seconda invece, l'area di cottura e preparazione, ospita il sistema Monitor di Carico per il controllo in real time delle pietanze da cucinare. L'immagine sotto riporta lo schema di principio dell'intero impianto realizzato.

schema festa Moscato di Scanzo

Area postazioni Cassa Fast and Fest

La zona dedicata alle sei postazioni cassa è molto semplice e non si discosta dagli impianti tradizionali che già realizziamo in tantissime altre manifestazioni. Le sei casse installate sono tra di loro collegate in rete. Questo collegamento permette la gestione della numerazione univoca dell'ordine e, funzione molto apprezzata, la disponibilità dei prodotti "vendibili". Grazie a questa caratteristica di Fast and Fest ogni sera, prima dell'inizio del servizio, il responsabile delle casse, può inserire, per le pietanze desiderate, il numero massimo di porzioni "vendibili". Gli addetti in cassa, sfruttando questa funzione, non dovranno più preoccuparsi di segnare "a mano" quante porzioni rimangono disponibili per questa o per quella pietanza: tale lavoro è completamente a carico del sistema e viene gestito in maniera del tutto automatica e trasparente.  A beneficiarne non è solo l'organizzazione della sagra ma anche il cliente della sagra stessa: sarà certo di aver sempre a disposizione i piatti ordinati, evitando a lui (e di riflesso alla festa) brutte sorprese. Per approfondire questa funzione clicca qui.

Area postazioni Monitor di Carico